12.05.2015 | THE HANDS OF RESISTANCE

12 May 2015, 6.00pm / via Roentgen

A conversation with

Ali Kazma / Video artist
Stefano Baia Curioni / Professor at Bocconi University, Milan

Download programme


Biografie | Biographies

Ali Kazma (1971, Istanbul) è un artista video turco. Ha conseguito un MA Degree alla New School a New York City. Il suo lavoro documenta principalmente attività e solleva questioni fondamentali sul significato dell’organizzazione sociale e del lavoro in contesti produttivi e commerciali. Kazma ha avuto importanti riconoscimenti internazionali e ha esposto  alla Biennale di Sao Paulo del 2012; alla Biennale di Istanbul nel 2001, 2007, 2011; alla nona edizione della Biennale di Havana; alla Biennale di Lyon del 2007; al Tokyo Opera City; al Platform Garanti, Istanbul e allo Smithsonian Hirschhorn Museum, Washington, D.C.
Ha rappresentato la Turchia alla 55° Edizione della Biennale di Venezia.
Ali Kazma (1971, Istanbul) is a video artist who received his MA degree from The New School in New York City. His work primarily documents activity and raises fundamental questions about the significance of social organization and labor in the context of production, commerce and cycles. Kazma has exhibited internationally including 2012 Sao Paulo Biennial; the Istanbul Biennial – 2001, 2007, 2011; 9th Havana Biennial; 2007 Lyon Biennial; Tokyo Opera City; Platform Garanti, Istanbul and The Smithsonian Hirschhorn Museum, Washington, D.C.
Kazma was included in Art + Auction’s 2013 “50 under 50: The Most Collectible Artists,” and represented Turkey at the 55th International Art Exhibition, la Biennale di Venezia.

Stefano Baia Curioni è professore associato al dipartimento di Analisi Istituzionale e Management Pubblico dell’Università Bocconi. Dal 1998 dedica la propria ricerca, attività di insegnamento e consulenza al tema dello sviluppo storico delle culture e del sistema dell’arte, delle istituzioni e delle pratiche artistiche. Nel 2012 ha pubblicato il volume “Mercanti dell’Opera”, dedicato al sistema della musica operistica in Italia nel XIX secolo. È tra i fondatori del Centro di Ricerca ASK, di cui è stato direttore (2004-2008). È stato anche direttore di ACME Ms della Bocconi Graduate School (2004-2012). È parte dei board di istituzioni culturali (Piccolo Teatro, Fondazione Antonio Ratti) e visiting professor in politiche culturali presso IMT Institute a Lucca per il programma di PhD in Heritage Management and Development. È attualmente membro del Consiglio Superiore per i beni culturali e paesaggistici del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
Stefano Baia Curioni is associate professor at the department of Institutional Analysis and Public Policies. Since 1998, he has dedicated his research, teaching and consulting activities to the theme of the historical development of cultures and arts systems, institutions and practices. In 2012 he published Mercanti dell’Opera, a book on the operatic music system during XIX century in Italy. He is one of the founders and served as director of ASK Research Center of Università Bocconi (2004-2009) and as director of ACME Ms of Bocconi Graduate School (2004-2012). He is board member of various cultural institutions (Piccolo Teatro, Fondazione Ratti) and visiting professor of cultural policies at IMT Institute in Lucca for the Phd in Heritage Management and Development.  He is member of  the Consiglio Superiore per i beni culturali e paesaggistici, the most senior advisory body to the Italian Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism.